LA REGINA

Maestosa, imponente, altera, suggestiva. Di lei, la quercia, che dire? Solo che è la regina delle piante! E incute rispetto come un'anziana arzdora, come la terra dove affonda le sue infinite radici, e sulla quale se vuoi seminare o raccogliere ti devi chinare. Davanti ad ognuna di loro, sono rimasto a lungo bocca aperta come di fronte a un'opera d'arte stagliata in cielo. Le ho fotografate in inverno per mostrarne l'intimità, la verità dei torsi nudi, delle braccia dei rami, delle cortecce di vene. E le mani di fronde spogliate dai fronzoli estivi, tutto così sicuro e perfetto nella sua fierezza, dove esplodeva netta solo la sostanza, la potente forza dell'anima.